martedì 1 febbraio 2011

festa a puttane..

sento di questa festa, una bella festa.. a caperana, in una casa privata.
giunto sotto casa, vedo che c'è pieno di gente, ma tutti ragazzi e, dato che l'ingresso stà a dieci euro, decido di aspettare sotto, seduto su di un panettone, a vedere se arriva un po' di figa.. altrimenti dieci euro per ballare con soli piselli intorno, col cazzo che glieli do!
aspetto un'oretta ma di figa nemmeno l'odore..
a quel punto cazzeggio un pochino in zona (parevano i dintorni del gommista, scotto, per chi sà..) e decido di tornare a casa a piedi.
guardo l'ora per vedere se ci fosse un bus che potesse evitarmi la camminata, ma so che è notte fonda.. pure se il cielo è ancora chiaro, come a metà pomeriggio..
dunque guardo l'ora sul cellulare ma fa le 13.05.. "come cazzo può essere? la festa cominciava alle 22.00, avrò il cellulare a puttane!".. e infatti una donna che sta entrando in macchina mi conferma che è notte fonda..
a quel punto mi rendo conto di non essere più nei dintorni di chiavari, ma a genova.. bagno!
continuo a scendere lungo la strada, che nel frattempo è diventata corso europa. arrivo ad un sottopasso affollato e scendo. quando riesco ad uscirne mi rendo conto che qualcuno mi ha fottuto lo zaino con dentro l'mp3 ed altre stronzate.. faccio la strada a ritroso per provare a vedere se non l'avessi dimenticato, quando vedo un barbone che tiene in mano il mio zaino vuoto. allora mi incazzo e gli chiedo dove fosse il mio mp3, ma lui dice di averlo trovato già vuoto e me lo restituisce.
faccio ancora qualche passo e vedo un tipo che era lì da un po'.. "hai mica visto che cazzo sia successo al mio zaino?" e lui mi dice di aver visto tutto.. un marocchino che si fa chiamare "brivido" ti ha svuotato lo zaino, mi dice.. e mi accompagna a cercarlo. quando lo troviamo, paolo (il tipo che mi ha aiutato), gli parla e lo convince a riportarmi il telefono. dopo poco brivido torna e mi rende il cellulare scusandosi.
continuo la strada con paolo e gli spiego che non ho un euro in tasca e devo riuscire a tornare a chiavari.. ma tempo poco incontro pregno, un amico, e gli chiedo di prestarmi dieci euro per tornare a casa.. solo che lui mi chiede di baciarlo.. "no, allora prestami solo due euro che me li faccio bastare!" ma lui mi strizza le palle..!! a quel punto urlo e mi sveglio.. per fortuna..

Nessun commento:

Posta un commento